La porta al Borgo. Cortili aperti su San Salvario

Nell’ambito della rassegna I Portici di via Nizza. Scoprili, vivili, amali, organizzata dalla Città di Torino per la riqualificazione e il rilancio dei Portici di via Nizza, l’Agenzia per lo Sviluppo Locale di San Salvario ha curato da marzo a luglio 2005 La porta al Borgo. Cortili aperti su San Salvario: un programma di iniziative con l’obiettivo di promuovere alcuni progetti che avrebbero potuto migliorare la vivibilità dell’area e di lanciare alcune delle principali risorse già esistenti utili alla rigenerazione economica, culturale e sociale del borgo San Salvario. L’intervento ha previsto l’allestimento scenografico e l’animazione culturale di due cortili (quelli di via Nizza 5 e 9) e la realizzazione di alcuni mercatini tematici sperimentali sotto i Portici di via Nizza. Per saperne di più scarica il curriculum cultura 2009!

Durante la giornata di sabato 12 marzo 2005 il cortile di via Nizza 5 è stato allestito come punto di informazione, di gioco, di raccolta di informazioni e di idee sui Piani di Recupero obbligatorio e di presentazione del lavoro di informazione e conoscenza svolto dall’Agenzia per lo sviluppo locale di San Salvario (due plastici di grandi dimensioni degli isolati interessati, tavolo per la consultazione dei cittadini,  gioco urbano “gioca con i PdR”), con la proiezione in androne di un video di Davide Tosco.  La compagnia Teatro dei burattini di Como ha presentato spettacoli adattati al tema; durante tutto il pomeriggio, degustazione di dolci magrebini, tè alla menta e pizza. Il cortile di via Nizza 9, invece, è stato allestito con due mostre all’aperto Nuovi musei e collezioni “nascoste” (immagini fotografiche di grandi dimensioni appese ai balconi per promuovere il nuovo Museo della Frutta “Collezione Garnier-Valletti” con le foto di Daniele Regis e il nascente Museo Lombroso, con immagini della mostra di Luigi Gariglio Immagini dalla Collezione Lombroso). Inoltre, un grande banco con frutta di stagione offriva frutta-souvenir ai partecipanti. Durante tutto pomeriggio dj set con degustazioni e aperitivi di cibi e bevande a base di frutta.

Durante la giornata di domenica 19 giugno 2005 l’attenzione è stata puntata sui progetti importanti per la riqualificazione del quartiere, quali Casa del Quartiere (progetto sviluppato dall’Agenzia a partire dal 1999) e il Jazz Club Città di Torino.  Nel cortile di via Nizza 5 si sono susseguiti attività quali: servizio biblioteca e lettura quotidiani italiani e stranieri a cura della Biblioteca Civica “Geisser”; mostra fotografica a cura della Biblioteca Civica “Geisser” (immagini d’epoca del quartiere), servizio caffetteria con degustazioni gratuite; lancio di una iniziativa di book-crossing nei locali più cool di San Salvario; lettura poesie a cura di Laurence Fosse (Parigi) e concerto; laboratorio teatrale a cura dell’Associazione Cult. Tecnologia Filosofica & Livingston Teatro. Nel cortile di via Nizza 9, invece, è stato allestito un Jazz Club alla maniera dei locali che dagli anni Trenta in poi fecero la storia di questo genere musicale nella nostra città e di San Salvario. Sul palcoscenico di questo jazz club all’aperto si sono esibiti gratuitamente per il pubblico alcuni
tra i più importanti nomi del jazz italiano (Gianni Basso, Fulvio Albano…); degustazione di vini rossi e bianchi e piatti della tradizione culinaria argentina; visite-spettacolo quali il “Borgo della frutta”. Alla scoperta della vocazione di Francesco Garnier-Valletti e Orti teatrali che ricreava l’atmosfera del passato agricolo-sperimentale del Borgo San Salvario (dall’Orto Botanico all’Ospedale Omeopatico, dai vivai Burdin all’Istituto Sperimentale per la Nutrizione delle Piante con le sue serre).

museo-della-frutta